mediazione culturale

La mediazione culturale è una cosa complicata e inevitabile allo stesso tempo, nel senso che è difficile da definire ma impossibile da non praticare – tanto più se si vive in un paese diverso da quello in cui si è nati e cresciuti, un paese in cui ogni cosa si chiama in un altro modo. Di certo è una cosa faticosa, perché faticosa è la posizione infra: chi vive all’estero si sente sempre un po’ osservato nella sua diversità, nel bene e nel male. Non sempre fa piacere (ma a volte sì), quasi mai è rilassante.

A forza di mediare tra culture nella vita di tutti i giorni, ho deciso di provare a farlo anche per mestiere (improvvisandomi come al solito): così almeno mi pagano e ho un alibi per lanciarmi in un sacco di avventure! Le occasioni in Germania di questi tempi non mancano, e del resto la traduzione è già di per sé una forma di mediazione.

Provo a mediare a mio modo in entrambe le direzioni: in una, cerco di far conoscere la cultura tedesca e quella svizzera in Italia attraverso i libri che traduco e le persone che presento, e di svecchiare così l’immagine un po’ impolverata della letteratura d’Oltralpe. Nel senso opposto presento gli autori di lingua italiana in Germania e faccio la stessa cosa, ossia combatto le immagini preconfezionate con la presenza. A volte mi riesce, a volte no. Ma qualcosa cambia sempre: se non fuori, almeno dentro di me. Che sono grata di ogni incontro.

Non ho sempre tempo di aggiornare il sito con tutte le presentazioni, ma la pagina I miei giri si può usare come diario di bordo per ricostruire chi, dove e quando. Se invece stavate cercando gli incontri cui partecipo come traduttrice, li trovate alla pagina Reading ed eventi. La divisione non è chiarissima, lo so – neanche nella mia testa, se può consolarvi: in fondo è mediazione culturale anche quella.

2016
Eventi letterari bilingui a Lipsia

Nicola Lagioia (organizzazione, moderazione bilingue)

Fabien Kunz-Vitali su Pier Paolo Pasolini (organizzazione, interpretariato)

Vincenzo Latronico (organizzazione, moderazione bilingue)

Fabio Genovesi (organizzazione)

Eventi letterari bilingui a Berlino

Gianrico Carofiglio (moderazione all’Istituto italiano di Cultura, 14 marzo, ore 19)

2015

Eventi letterari bilingui a Lipsia

Fabio Pusterla (organizzazione e moderazione; a Dresda: interpretariato)

Italo-Berliner (Elettra de Salvo e Gherardo Ugolini, organizzazione e moderazione)

Traduzione letteraria dal vivo per la Giornata internazionale della traduzione

Per le Giornate internazionali della traduzione (30 settembre) concepisco, organizzo e modero dal 2014 eventi dedicati alla traduzione letteraria su incarico della Weltlesebühne, destinati sia agli adulti sia ai ragazzi. In questi hanno ci hanno ospitato sedi prestigiose come la Deutsche Nationalbibliothek e la Bibliotheca Albertina dell’Università di Lipsia, il Cafè Tabori e il laboratorio di cultura giovanile JuKuWe JoJo del Comune di Lipsia.

Nel 2014 Maria Hummitzsch ha tradotto dall’inglese in tedesco (la lingua del pubblico) il racconto Things I Have Done and Cannot Undo dell’israeliana Shani Boianjiu, nel 2015 Maria e la collega Lisa Kögeböhn si sono cimentate nella traduzione in parallelo di The Penguin Lessons di Tom Michell. La celebre traduttrice di letteratura per i ragazzi Brigitte Jakobeit ha tradotto insieme ai ragazzi del liceo l’incipit del Bambino con il pigiama a righe.

Collana ch nelle scuole

Da alcuni anni partecipo a incontri nelle scuole svizzere promossi dalla Fondazione ch: scrittori e traduttori vi presentano il libro a cui hanno lavorato insieme, parlando di scrittura e traduzione. Visto il taglio interdisciplinare, gli incontri vengono prenotati e preparati dagli insegnanti di lettere e di tedesco con il mio sostegno a distanza. Con alcuni di questi si è consolidato nel tempo un rapporto che mi fa piacere coltivare anche al di fuori degli appuntamenti programmati. Qui trovate una breve descrizione del progetto Collana ch nelle scuole.

Nell’anno scolastico 2015/2016 parteciperò a incontri in varie scuole del canton Ticino insieme a Jonas Lüscher (La primavera dei barbari, Keller Editore) e Arno Camenisch (Dietro la stazione, Keller Editore).

Mit andern Worten (In altre parole)

Nel 2014 ho organizzato, su mandato della Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia, un progetto simile a Collana ch nelle scuole, destinato alle scuole superiori della Sassonia, il Land in cui si trovano Lipsia e Dresda. L’idea alla base era di portare la letteratura nelle classi offrendo un programma di contorno a quello della Fiera del libro di Lipsia, di cui la Svizzera era Paese ospite.

Nei giorni precedenti alla fiera, quattro tandem composti da uno scrittore svizzero e dal suo traduttore hanno incontrato gli studenti di numerose scuole. Gli appuntamenti, inseriti nel programma di «Auftritt Schweiz», hanno ottenuto il patrocinio del Ministero della Scienza e dell’Arte di Sassonia.

Oltre ad avere organizzato e diretto il progetto, ho fatto parte insieme a Klaus Merz (L’argentino) e a Melinda Nadj Abonji (Come l’aria) del tandem tedesco-italiano che ha incontrato studenti di Dresda e Lipsia. È stata un’esperienza indimenticabile! Informazioni sul progetto con i nomi dei partecipanti e delle scuole (in tedesco) qui

Siete interessati a organizzare un incontro su letteratura e traduzione nella vostra scuola? Scrivetemi!
Presentazioni di Giovanni Orelli e Gianfranco D’Anna, Leipziger Buchmesse 2014

Alla Fiera del libro di Lipsia ho moderato, per la prima volta in tedesco, due scrittori svizzeri di lingua italiana: Giovanni Orelli, che presentava l’uscita della traduzione tedesca degli Occhiali di Gionata Lerolieff  (Die Brille des Gionata Lerolieff, trad. Maja Pflug), e Gianfranco D’Anna con la bella edizione tedesca del suo Falsario (Albert Thebell, Physiker und Fälscher, trad. Barbara Sauser).

Nell’ambito della Fiera del libro di Lipsia ho partecipato inoltre alla tavola rotonda dei traduttori della letteratura svizzera contemporanea e ho presentato le mie traduzioni di Arno Camenisch insieme a Camille Luscher: eventi

  • ViceVersa, sesta edizione, Looren 2013

 

 

I commenti sono chiusi